Ricordare e comprendere- Home

 

 

Fra Sebastiano Vongeschi di Cutigliano e lo straordinario voto del padre

 

«Memoria come nel 1484 a dì 14 di luglio in mercoledì a hore 17 nacqui io fra Bastiano di Bartolomeo di Lorenzo Vongieschi di Cutigliano dell'Ordine de' Servi della Vergine Maria di Pistoia baptizato nella Pieve di Cutigliano. Et postomi nome Bastiano primo nome secondo Lorenzo per mio sere et de' figluoli masti fui primogenito che 5 fratelli siano stati et 5 sorelle quali io ho vedute et cognosciute.

Memoria di cone nel 1489 a dì 10 del mese d'ogosto Giovanino Busoni da Cutigliano nemico del mio padre sbandito la mattina di sancto Lorenzo essendo spogliato Cutigliano di homini et donne epr uno giubileo posto di culpa et pena in santo Lorenzo in Pistoia, havendola intesa, venne la notte con 60 homini dal Casole giunseno in Cutigliano su l'aurora et alsaltono la casa nostra quale era alhora dove hoggi la Chiesa nova di Cutigliano in sula piazza comperata da detto mio padre non potendo haver mio padre quale era sempre solito andar alla prima messa che si dice a far del dì, prese detto Giovanino, me et Michelagnolo et Josephe fratelli picolini, io ero di 5 anni et volevaci gittare giù dalle finestre; lì suoi compagni non volseno quella vergogna di amazzare fanciulli et si ci trafugarono fuora di casa et liberono dalle sue mani.

Mio padre hebbe tale intesa mediate a Dio ci voti scampando di farci frati o preti.

Et poi ragunò ancor lui gente per luoghi convicini. Et seguito detto Giovanino et sua gente quali haveano spogliato la casa d'ogni cosa mobile et a rio Piatroso rigiunse quelli et gli scaramucciando riebbe 3 some di sua robba et poi le cariche portavano adosso, che tutti erano carichi. Et folli morto Giovanni suo cugino fratello del fattore da Casoli.

Et poi l'huomini da bene di Cutigliano s iintermesino di mezo et feceno far la pace et feceno parentado per mozare lodi: Togniago suo fratello dette Doratea sua sorella a nNanino di sancto di Lenzo nepote di mio padre. Et mio padre poi col tempo dette mia sorella chiamata Pasqua a ...riale nipote di detto Giovanino e Tonaccio di Bosone dove poi siamo stati sempre chari parenti et amici.

Memoria come nel 1494 mio padre per metter a secutione lo voto fatto de noi 3 suoi figluoli fece frate Michelagnolo in sancto Francesco di Pistoia et dettelo per discipulo a fra Lodovico del Gallo da Pistoia qual fra Michelagnolo venne huomo sufficiente di grande ingiegno lui sufficiente gramatico, cantone, scriptore; poi stroppiandosi delle gambe tornossi a casa del padre et madre per esser governato, dove si de' a dipingere et medicare in su libri di nostro aulo Simone detto Spagnolo padre di nostra madre Felice a qual curriva tutta la montagna per lla sui buone sapientie.

Morì poi in Cutigliano l'anno 1527».

 

Da un manoscritto conservato all'Archivo di Stato di Pistoia, trascritto dal padre Ildefonso M. Francesconi, osm

 

Paola Ircani Menichini