Ricordare e comprendere- Home

 

Don Mario Crenna

 

sacerdote, archivista, direttore delle pubblicazioni della Società Storica Novarese

 

(10 aprile 1923 – 6 gennaio 2012)

 

 

Non parliamo di un personaggio che è vissuto in Toscana, eppure è come se lo fosse. Anzi, in un certo senso è come se tutti noi archivisti scrittori vi abitassimo o come se tutti vivessimo a Novara. Così pensano i fratelli che riconoscono i fratelli. Sono lontani, ma li lega un filo sottile, così sottile che si reputa per vero. E questo vale anche se si tratta di un sacerdote. Su quel filo invisibile ce ne stanno molti: un giorno hanno scoperto come la via spirituale possa nascere anche dalla conoscenza del passato. Quindi si sono occupati di documenti, di inediti, di spogli, di registri, di letture e paleografia, di collazioni, di ermeneutiche … Ne ho incontrati alcuni di persona, altri, i più, li ho ricordati tramite le memorie dei libri: don Maurizio Cavallini e don Mario Bocci entrambi di Volterra; padre Raffaele Taucci e padre Eugenio Casalini della SS. Annunziata di Firenze ... e ora don Mario Crenna di cui parla un libro: Sulle tracce di don Mario Crenna autore Mario Crosta, Novara febbraio 2014. Ne ricorda la vita, l'opera e i sentimenti. Alcune pagine riportano le sue pubblicazioni che sono tante e tante, quasi che dovesse fuggirgli il tempo, quasi che – come pensiamo noi archivisti scrittori – volesse porre rimedio alla grande balza della dimenticanza che ogni giorno corrode il vivere di tutti.

Vedi il libro in PDF

Le sue pubblicazioni all'interno di quelle del Bollettino Storico Novarese

Il Bollettino Storico Novarese

L'ultimo numero pubblicato è interamente dedicato - a cura di Sandro Callerio - ad alcuni suoi lavori difficilmente trovabili

 

Dal libro di Mario Crosta riportiamo le pagg. 24 e ss. (le pubblicazioni)

«Chi ha avuto la fortuna di conoscerlo ne ricorderà sempre la affascinante cordialità, l’enciclopedica cultura, la strabiliante facilità di lettura dei manoscritti più complessi e quella capacità, tipica del vero Storico, di far parlare i documenti, mettendo in connessione fra di loro i frammenti che il tempo ci ha lasciato, collocando al giusto posto le tessere del grande mosaico della Storia.

Dominus Crenna vere talentum historicum habet.

E qui, in ordine strettamente cronologico, ricordiamo quello che Egli ha pubblicato nelle pagine del «Bollettino Storico per la Provincia di Novara»:

1980 – Appunti ed ipotesi sulla vetus ecclesia S.ti Gaudentij extra muros, LXXI n. 2, 27-63;

1981 – 1520. Liber omnium benefitiorum Civitatis et totius Dioecesis Novariae una cum toto redditu Ep.atus eiusdem Civitatis cum feudis omnibus tam nobilibus quam honerosis dicti Ep.atus, LXXII, 189-209, 458-479;

1982 – Carlo Francesco Frasconi e la storiografia novarese, LXXIII, 298-302;

– Il Museo lapidario della canonica del duomo di Novara, LXXIII, 298-309;

1986 – Quintino Sella e la provincia di Novara (1862-1884), in collaborazione con Luigi Bulferetti dell’Università di Genova, volume monografico, LXXVI-LXXVII, pp. 656;

– Chi era il nobile scozzese di S. Maria delle Grazie in Novara?, LXXVII, 185-194;

1987 – Agli albori della burocrazia fiscale. Il censimento di Carlo V nella provincia di Novara. Parte I e Parte II, LXXVIII, 169-298, 567-620;

1988 – Agli albori della burocrazia fiscale. Il censimento di Carlo V nella provincia di Novara. Parte III e Parte IV, LXXIX, 105-152, 431-449;

– Curiosità storiche sulla roggia Mora, LXXIX, 387-404;

1989 – Un dinamismo comunitario esemplare: il caso di Fara Novarese, LXXX, 141-148;

– L’Inquisizione nel Novarese, LXXX, 177-261;

– I modi inquisitoriali nel Novarese, LXXX, 455-491;

1990 – Trascrizione del manoscritto“Iscrizioni antiche novaresi”, di C. F. Frasconi, LXXXI, 161-312;

– Un reportage d’epoca (Antronapiana 1642), LXXXI, 313-314;

– Di professione notaio, nel principato vescovile di Riviera, LXXXI, 527-543;

1991 – Atti di governo di Carlo Bascapé vescovo conte, LXXXII, 221-251;

– Sui sinodi diocesani novaresi, LXXXII, 253-256;

– Giambattista Baratta da Fossano vescovo di Novara, LXXXII, 257-268;

1992 – Una premessa esplicativa, LXXXIII, 9-10;

– Tutti per uno, uno per tutti, LXXXIII, 219-230;

– “Barba elettrica”, Generale Annibale Bergonzoli, LXXXIII, 231-242;

– 1258. La rotta di Bellinzago Novarese, LXXXIII, 243-254;

– 15 agosto 1531. Il memorabile pontificale di Sua Eccellenza mons. Gio. Angelo Arcimboldo, LXXXIII, 255-271;

- Trascrizione di “Carte risguardanti la nobile famiglia de’ Conti di Biandrate”, di C. F. Frasconi, LXXXIII, 295-313;

– Don Carlo Bascapé Vescovo di Novara e Conte di Riviera, LXXXIII, 619-657;

– Trascrizione di “Dei vescovi novaresi (Supplemento a F. Ughelli)”, di C. F. Frasconi, LXXXIII, 658-737;

– Trascrizione di “Antico duomo di Novara. La cappella di S. Agabio”, di C. F. Frasconi, LXXXIII, 739-750;

1993 – Carlo Bascapé vescovo di Novara (1593-1615). Tecniche pastorali, LXXXIV, 129-146;

– Le carte di S. Agnese nella regestazione di C. Frasconi, LXXXIV, 147-153;

– Trascrizione di “Carte antiche del monastero di Sant’Agnese di Novara, già di San Domenico, dell’ordine di Santa Chiara”, di C. F. Frasconi, LXXXIV, 155-264;

– Il Comune di Biandrate ha non meno di 900 anni, LXXXIV, 313-315;

1994 – Ricordando Enrico Bianchetti (sei lettere inedite), LXXXV, 295-304;

– Su Quarna Sopra diamo la parola ai documenti, LXXXV, 369-415;

– Ultime volontà di un nobile cannobiese di fine ’500, LXXXV, 559-622;

– Il problema del Museo Lapidario della Canonica (dall’archivio della Società storica novarese), LXXXV, 895-909;

1995 – Trascrizione della “Topografia antica di Novara e suoi sobborghi” di C. F. Frasconi, LXXXVI, 581- 844;

– In margine alla topografia antica del Frasconi, LXXXVI, 845-872;

1996 – Le avventure e disastri di Rosina Antonio Maria Secondo Eustachio di Giuseppe Antonio di Borgo Lavezzaro, LXXXVII, 3-71;

– Novara repubblicana. Memorie d’un “cittadino canonico” , LXXXVII, 73-120;

– “Honi soit qui mal y pense”, ovvero qualche ragguaglio su origine e vicende della Società Storica Novarese, LXXXVII, 371-410;

– Novara repubblicana. Appunti di un “cittadino canonico” [C. F. Frasconi], con appendice, LXXXVII, 455-472;

– Fonti archivistiche: il fondo pergamenaceo della ex Fondazione Galletti di Domodossola, LXXXVII, 561-616;

– Fonti archivistiche: il fondo pergamenaceo di San Vittore di Cannobio, LXXXVII, 617-648;

1997 – Monache, frati, preti, ecc. a Novara (secc. IX-XIX), LXXXVIII, 127-138;

– Trascrizione di “Documenti risguardanti le chiese, monisteri, conventi e spedali già esistenti in Novara e suoi sobborghi da’ più rimoti secoli sino al primo decennio del corrente XIX...” di C. F. Frasconi, LXXXVIII, 139-472;

– Come fare la Patria degli Italiani? Dal carteggio (1848-1872) di Francesco Guglianetti, LXXXVIII, 501-582;

1998 – Teoremi inquisitoriali e istanze d’ortodossia, LXXXIX, 177-256;

– Archivio della Veneranda Confraternita di S. Giovanni Battista. Ancora un inedito di C. F. Frasconi, LXXXIX, 555-681;

1999 – C’est l’argent qui fait la guerre (con appendici docum.), XC, 11-188;

– 19 luglio–10 ottobre 1495. Assedio alla città! XC, 189-212;

– Cabale processuali... d’altri tempi, XC, 391-523;

2000 – Quando, come, perché un’indulgenza plenaria fatta in casa, XCI, 169-179;

– Un antidoto impetratorio (collaudato?) d’altri tempi per le perturbazioni metereologiche, XCI, 180-187;

– Gli Statuti di Valle Antigorio. Un cimelio storico, XCI, 353-463;

– L’estimo di Crevola del 1396 [di M. F. Baroni] (segnalaz.) XCI, 493-494;

– Gli Atti dell’Arcivescovo e della Curia Arcivescovile di Milano nel sec. XIII. Ottone Visconti (1262-1295) [di M. F. Baroni] (segnal.) XCI, 494-496;

2001 – Purità di fede e sanità di corpo, XCII, 121-128;

– Il Novarese alla portata dei militari, XCII, 129-139;

– Lombardi, occhio ai Savoia!, XCII, 401-410;

– Un commiato regale datato 7 dicembre 1798, XCII, 411-421;

– Sponsali d’élite in Casa Natta, XCII, 422-432;

2002 – Macugnaga tra leggenda e storia, dalle memorie di don P. Rigorini, XCIII, 185-231;

– Barbiere , flebotomo ed esorcista interinale, XCIII, 457-523;

2003 – Strategie ferroviarie risorgimentali. L’imponente programma cavouriano. Le visioni tecnosistematiche di C. Cattaneo. Il tracciato della “strada ferrata” da Genova alla Svizzera e le diatribe novaresi, XCIV, 261-367;

– Quando è la Patria che chiama..., XCIV, 395-398;

– “Pulvis es et in pulverem reverteris” (norme cimiteriali), XCIV, 553-586;

– Un cesellatore nella storiografia locale. Alcuni scritti di Giovanni Cavigioli (1879-1947), XCIV, 587-589;

2004 – 1543-1602. Così si evolse la fiscalità di Stato (1548. Esercenti della Città di Novara; 1562. Lista del valimento mercimoniale; Il traffico di merci a Novara nell’anno 1580; I tre metodi di calcolo del valore mercimoniale delle Città; 1608: Apparato mercantile della Città), XCV, 1-158;

– Una rispolverata “haute” d’altri tempi, XCV, 159-160;

– Temperie didattiche novaresi dal sec. XVII all’anno XVII dell’Era Fascista (con testi di C. Negroni, O. Bordiga, A. Riva, A. Viglio), XCV 207-286;

– Vicende comitali d’epoca sforzesca, XCV, 569-582;

– 1544: «Li delitti che si obliga denontiare...», XCV, 583-591;

– Proclama del ’600 per gli animalisti d’oggi, XCV, 592-600;

– “Illustrissima”... è la città di Novara, XCV, 601-634;

– Rimembranze di pratiche... alquanto devozionali, XCV, 635-642;

2005 – Delenda est! questa casa e quest’altra..., XCVI, 269-286;

– Una sonata... non proprio pastorale. Vessati diritti di pascolo sull’Alpe Mera nel sec. XV, XCVI, 323-372;

– A proposito di archivi parrocchiali, XCVI, 491-492;

2006 – Come e perché si è edificato un santuario. Dall’archivio della Ss.ma Pietà di Cannobio, XCVII, 9-111;

– Magnifica... stercorosa Civitas Novariæ Vicissitudini igienico-sanitarie cittadine d’altri tempi, XCVII, 343-372;

– Ottocento ferroviario nella provincia di Novara. Progetti, problematiche ed istanze d’epoca, XCVII, 373-425;

2007 – Documenti inediti d’epoca napoleonica: a) Il “Giornale delle operazioni del blocco e dell’assedio della piazza di Venezia” del generale Seras (3.11.1813 – 27.4.1814); b) Proclamation de Napoléon Buonaparte à ses nouveaux sujets, suivie de la Constitution de l’Île d’Elbe , XCVIII, 29-237;

2008 – «Où Bayard a-t-il été inhumé?», IC, 1-87;

– Nel 90° anniversario della fine della 1a guerra mondiale, IC, 89-90;

– Viticoltura ed enologia, fattori storici per la nostra gente, IC, 319-366;

– Se la mula del Vescovo fa le bizze..., IC, 367-370;

– “A. O. I.”: sigla dismessa... da rimembrare, IC, 439-462;

2009 – Quel fatidico 1859... per i Novaresi infausto!, C, 9-24;

– Servizio postale...rapido e puntuale!, C, 229-235;

– A proposito di “figli esposti”, C, 236-238;

– La “Cantina dei Santi” a Romagnano Sesia ovvero “il sito dei fraintendimenti” C, 613-630;

2010 – Angustianti traversie d’età sforzesca, CI, 297-380.

 

Altri suoi scritti:

Novara e Contado: lineamenti di storia per i secoli XVI e XVII, in Il Contado di Novara. Paesaggio e storia, catalogo della mostra documentaria dell’Archivio di Stato di Novara, Novara 1977;

La campagna novarese: panoramica storica, in La bassa novarese, Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura, Novara 1981;

Viticoltura novarese: arte secolare, in «Novara, notiziario economico della CCIAA di Novara» 1979, n° 3;

Quando si dice: Novara Città- forte, in «Novara...» 1982, n° 2;

“Da mandrita a reussir fora de Novara...” in ricognizione entro un borgo cittadino, in «Novara...»1982, n° 4;

1628: processo per debiti di gioco ed altre male pratiche ad Intragna, in «Novara...» 1989, n° 6;

A Trivero esisteva un castello... in «Bollettino del DocBi, Studi e ricerche sul Biellese» 1994;

Il miracolo di Cannobio. Rogito delle testimonianze del 1522, Santuario della Ss.ma Pietà di Cannobio, 1997;

San Vittore. La chiesa parrocchiale di Cannobio a 250 anni dalla Consacrazione, Parrocchia di San Vittore di Cannobio, 1999».